Via Cernaia 11, 10121 Torino
335 66 57 074 - 011 5115569
valerio.anelli@azimut.it

Pac, un piano d’investimento periodico

Il piano di accumulo, chiamato in gergo anche P.A.C. (Piano di Accumulo Capitale), è una modalità di investimento periodico. Al sottoscrittore di questa forma di investimento viene richiesto di definire una frequenza nei versamenti, normalmente mensile o trimestrale, e solitamente anche una durata. Il Pac normalmente viene alimentato attraverso sistemi automatici di versamento, come addebito in conto e bonifico ricorrente, che garantiscono la puntualità e la regolarità nei versamenti.

L’origine del Pac

Si tratta di una modalità di investimento spesso utilizzata nei mercati azionari dove il versamento periodico serve a mediare i prezzi di acquisto. Questa tipologia di investimento era già utilizzata negli Anni Cinquanta da Benjamin Graham, il padre dell’analisi fondamentale, e prevedeva l’investimento, ad intervalli temporali regolari, della stessa somma di denaro per acquistare delle azioni. Con questa modalità di investimento si riduce infatti il rischio che deriva dall’oscillazione del valore dei mercati, anche se l’investimento azionario rimane comunque rischioso.

Il Pac e le sue caratteristiche

Il Pac su prodotti assicurativi vita tradizionali (cosiddetti di Ramo I) è, invece, orientato ad offrire serenità. Permette infatti di accumulare risparmio e costituire capitale con la tranquillità che il proprio investimento non viene eroso da fattori esterni incontrollabili, come le oscillazioni dei mercati .

Una particolarità importante del Pac è la garanzia sul capitale che dà la sicurezza che il proprio risparmio non potrà mai subire le forti oscillazioni sul mercato. A seconda dei prodotti la garanzia può essere disponibile per tutta la durata del piano o dopo un certo numero di anni.

La garanzia di rendimento minimo indipendentemente dall’andamento del mercato è un’altra sua peculiarità. Possono esserci differenza a seconda delle varie tipologie di prodotto. La garanzia, infatti, può essere sempre presente o anche in solo in caso di morte.

I piani di accumulo, inoltre, danno un altro vantaggio di natura più psicologica e comportamentale. Questa tipologia di investimento, infatti, costringe il risparmiatore all’accantonamento di una determinata somma in modo costante. Investire in un Pac, poi, permette di non cadere nella cosiddetta trappola dell’emotività. Molto spesso, infatti, i sottoscrittori di un determinato strumento finanziario decidono di investire o di disinvestire sulla base dell’ultima tendenza, con un’accentuazione del fenomeno in presenza di alta volatilità.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: