Via Cernaia 11, 10121 Torino
335 66 57 074 - 011 5115569
valerio.anelli@azimut.it

La vendita delle azioni allo scoperto e lo short in borsa

In inglese è denominata short selling. La vendita di azioni allo scoperto è un’operazione finanziaria che consiste nella possibilità di vendere delle azioni senza possederne la proprietà. Grazie a questa operazione l’investitore può ottenere profitti dalla prestazione negativa dei titoli azionari. Andare short in borsa permette di avere a disposizione un’operatività molto più ampia, non avendo a disposizione solo l’ipotesi di acquistare un titolo azionario in previsione di un suo rialzo. Una variante a questo tipo di operazione consiste nel farsi prestare i titoli da qualcuno per poi restituirli una volta che i prezzi potrebbero essere scesi.

Quando è nata la vendita allo scoperto

Lo short selling, o vendita allo scoperto, è un’operazione finanziaria nata nel 1609 quando Le Maire, un azionista della Compagnia delle Indie Orientali olandese, decise di vendere le azioni della società in misura maggiore da quanto lui detenuto effettivamente realizzando dei guadagni elevati.

Il funzionamento dello short telling

Gli strumenti finanziari oggetto di short selling vengono prestati temporaneamente al venditore allo scoperto dalla banca o da un intermediario finanziario. Solitamente per questo prestito viene pagato un prestito annuale al broker in relazione alla durata dei giorni dell’operazione di vendita allo scoperto. Oltre agli interessi, l‘intermediario richiede anche un margine di garanzia per l’operazione.

Le tipologie di vendite allo scoperto

Non tutte le operazioni di short telling sono uguali. Esiste infatti lo short selling di tipo Covered con la quale il soggetto che richiede preventivamente i titoli prendendoli a prestito dal broker, assicurando in tal modo la consegna al compratore. Attraverso lo short selling di tipo Naked non si prevedono invece alcun prestito o coperture preventive, per cui il regolamento della transazione non è garantito.

Perché ricorrere allo short telling

Sono diversi i motivi per cui ricorrere a questo tipo di operazione. Tra le motivazioni ci sono quelle di minimizzare l’effetto tasse bloccando i profitti e prorogando le tasse sui capital gain, di attenuare gli effetti ex dividend, di coprire una posizione long, di fare arbitraggio e di fare trading. La vendita allo scoperto è un’operazione ad elevato rischio. E’ addirittura vietata ad esempio per i fondi comuni di investimento, per i fondi pensione e le assicurazioni mentre tra i fondi che possono utilizzare lo short telling ci sono gli Hedge Funds.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: